LETTERE IN LIBERTA’. CAPITOLO V

pellicoletta titolo ok

LETTERE IN LIBERTA’

CINQUE – NEL BUIO DELLA MOVIOLA

La moviola, si sa, è un luogo misterioso e potente. Accanto al montatore e i suoi assistenti, il regista smonta e stravolge il sogno. Diventa Merlino.

In moviola gli incontri che il Fato cinematografico nel suo insondabile progetto mette insieme si saldano in amicizie di una vita o di qualche stagione, oppure legami e sodalizi di antica data possono sbriciolarsi lasciando cupe risonanze. Ma non voglio dire cose che molti di voi sanno bene.

Pochi hanno accesso alla moviola durante il montaggio. Il produttore, a un certo punto d’autorità ci va ma succede anche che attenda il consenso del regista. Dipende dal potere del regista… (altro…)

LETTERE IN LIBERTA’. CAPITOLO III

pellicoletta titolo ok

LETTERE IN LIBERTA’

TRE- CONFESSO CHE MI TROVO IN UN VICOLO CIECO

Confesso che mi trovo in un vicolo cieco.

Il piccolo progetto di raccontarvi il percorso che un compositore – io – compie dall’ingaggio alla conclusione della composizione e della registrazione delle musiche per un film, a questo punto mi sembra realmente difficile, o superiore alle mie capacità di narratore.

Voglio dire che il fulcro centrale al quale eravamo arrivati, quello della creazione vera e propria, è così complesso e imponderabile che scriverne, almeno per me, diventa davvero difficile. Non valgono qui gli anni di esperienze didattiche di vario genere che ho sulle spalle, il contatto diretto e il tempo a disposizione con compositori e talvolta uditori non musicisti; scriverne é diverso. (altro…)